Il 25 Aprile 2016 speciale di Giorgio

Il 25 Aprile resta e resterà una festa speciale: la liberazione dal nazifascismo. La intendo sia per il suo significato storico sia come metafora contro il potere dominante che ci vuole ingabbiare.

Oggi per la nostra famiglia sarà una giornata straordinaria.
Il Giorgio, papà e nonno, festeggerà i suoi primi 80 anni!

Leonard Cohen The Partisan

Si.

  

Il naso di Giulio Regeni

Giulio Regeni

Sono rientrato da poco a casa questa sera e ho appena ascoltato le parole della mamma di Giulio Regeni.

Riconoscere il proprio figlio solo dalla punta del naso.

Non mi va proprio di aggiungere link o video a questo post, se non una foto trovata nella rete.

Conosco, solo, quel poco che letto della storia di Giulio Regeni, ma vorrei sapere cosa è successo a quel corpo.

Penso che ci sia bisogno di un segnale forte al paese che ha restituito il corpo di Giulio Regeni, per conoscere la verità.

 

 

Fuori dal cinema prima del film con Buona Pasqua

Esco dall’ufficio e ho voglia di vedere un film.
Cerco nei cinema in città e scelgo.
Parcheggio l’auto e mi incammino rapidamente verso il cinema.
Un ragazzo difronte all’entrata mi augura Buona Pasqua, gli faccio segno con la mano che non voglio nulla.
Saluto la cassiera e prendo il biglietto, ho ancora un po’ di tempo e quindi posso uscire a farmi una sigaretta.
Ritrovo il ragazzo e gli do qualcosa. Ringrazia e mi ridice Buona Pasqua accennando un sorriso stretto.

Mentre mi preparo la sigaretta gli dico che è un po’ in anticipo a dire Buona Pasqua.
Timidamente iniziamo a scambiare qualche parola.
Dice che non ha più i genitori, viene dalla Nigeria. Fa qualche lavoretto, abita poco distante dal cinema, si sposta in bicicletta.
Lentamente arrivano altre persone e lui continua ad augurare Buona Pasqua.
Mi offre un accendino, rispondo che il mio funzionerà ancora per po’, magari può darlo a qualcun altro.
Mi sento di suggerirgli di dire Buon cinema.

Giunge altra gente.
Il ragazzo augura Buon cinema, Buona fortuna e nuovamente Buona Pasqua.
Qualcuno si ferma e da qualcosa, qualcuno dice grazie.
Ora entro anch’io e lo saluto. Lui mi risponde con un sorriso più largo e aggiunge che Buon cinema funziona.
Mi sorride ancora.

Buona serata.

Dritti contro un muro: incontri e scontri anarcopunk a Verona

Dritti contro un muro Sobilla Verona 2015 anarcopunk logo

L’associazione culturale La Sobilla e la Biblioteca Giovanni Domaschi organizzano tre incontri sulla scena underground punk anarchica italiana degli anni’80. L’occasione è ghiotta perché ci saranno due presentazioni di libri e una proiezione del docufilm “Italian Punk Hardcore 1980-1989 The movie“.kina come macchine impazzite copertinaIl 13 febbraio Marco Pandin di stella*nera presenterà il libro “Come macchine impazzite – Il doppio spara dei Kina” di Giampiero Capra e Stephania Giacobone dedicato alla punk band dei Kina.

Giampiero Capra è stato il bassista e uno dei fondatori dei Kina, la punk band aostana. Lui e i suoi compagni hanno suonato in tutt’Italia e in Europa, durante gli anni ’80 e poco più in là. I Kina sono stati uno dei gruppi seminali della scena hardcore punk italiana, un intreccio fra musica, militanza e impegno politico.
Il libro ha la particolarità d’essere un racconto a due voci, quella di Giampiero e di Stephania. Il primo è un musicista impegnato fra la propria musica e la gestione delle autoproduzioni dei Kina e di altre gruppi, con l’etichetta Blu Bus. Stephania invece scoprì i Kina molti anni dopo, seguendo dei sentieri musicali ad Aosta. La musica dei Kina le fece compiere una formazione personale e un riscatto rispetto all’ambiente in cui viveva.

Sarà presente Marco Pandin amico e profondo conoscitore dei Kina. Marco fanzinaro negli anni Ottanta con Rockgarage ed editore indipendente, dal 1984 collabora stabilmente con A/Rivista Anarchica. Da trent’anni cura l’attività di stella*nera, non-etichetta discografica caratterizzata dalla scelta radicale di porsi “fuori mercato”.

I prossimi incontri saranno:

  • Giovedì 18 febbaio, ore 20.00 – BLACK HOLE: uno sguardo sull’underground italiano. Incontro con Turi Messineo, autore del volume (Eris edizioni 2015) + proiezione
  • Giovedì 25 febbraio, ore 20.00 – ITALIAN PUNK HARDCORE 1980-1989: The Movie di Angelo Bitonto, Giorgio S. Senesi, Roberto Sivilia (Italia 2015), proiezione
Riferimenti:
  • La Sobilla – Salita San Sepolcro, 6b – Verona
  • Guarda  e scarica la locandina dei tre incontri alla Sobilla:
    Dritti contro un muro Sobilla Verona 2016 anarcopunk punx punk sobilla, marco pandin, kina

 

Album che attendo per il 2016

Album che attendo per il 2016: Vinicio Capossela - Le canzoni della cupa PJ Harvey - The Hope Six Demolition Project Theo Teardo Blixa Bargeld Nerissimo

Siamo già al secondo mese del 2016 e dalle notizie che ho letto, finalmente saranno in uscita i nuovi album di Vinicio Capossela, di PJ Harvey e della coppia Theo Teardo Blixa Bargeld.

Vinicio Capossela – “Le canzoni della cupa”

Per me è il Cantautore italiano, un artista a tutto tondo, esploratore letterario e musicale. Scava nelle radici della musica e della letteratura, reinterpreta non scordando il mondo attuale. Il disco è stato anticipato dal docufilm Nel paese dei coppoloni.
Vinicio sono con te, sono convinto che superai anche l’operazione alla corde vocali, da poco annunciata nella tua pagina FB. Tornerai a riscaldare i corpi e le anime di chi ti ama.

PJ Harvey – “The Hope Six Demolition Project”

Sono passati cinque anni da quel disco regalato alla Gran Bretagna, era un un controcanto ironico e pacifista. In primavera PJ sarà qui a raccontare, nonostante le storture delle nazioni occidentali, che non saremo soli. Come ci ricorda il Reverendo Lys abbiamo PJ Harvey.

Theo Teardo Blixa Bargeld – “Nerissimo”

Una coppia artistica straordinaria perché riesce a farmi amare la ricerca musicale e vocale. L’album collega idealmente un italiano e un tedesco, che vivono a Roma e a Berlino. La copertina promette bene ed è liberamente ispirata al quadro Gli ambasciatori di Holbein il Giovane.
Musica contemporanea.

Vinicio Capossela Nel paese dei coppoloni

Un documentario sulle strade di un profondo Sud italico, in una zona geografica ben delimitata: l’Alta Irpinia. Vinicio è un antropologo che con i suoi occhi e le sue orecchie fa suo un territorio, ci si immerge per spiegarcelo e per dirci che pure qui c’è un universo da scoprire.

Vinicio Capossela Nel paese dei coppoloni trailer ufficiale
Immagine anteprima YouTube
Voto

ciack 3 voto

P.S.

Il prezzo del biglietto era di quattordici euro, direi piuttosto caro.

David Bowie, balliamo

img_4876

Il primo album di David Bowie che comprai fu Let’s Dance. Il tipo che me lo vendette disse che non gli piaceva, anzi gli faceva schifo. Sia io che lui ascoltavamo la new wave, il punk eccetera ma …

Let’s Dance mi lasciò perplesso, però mi piacque per i ritmi e i suoni delle canzoni, insomma i colori che ne scaturivano fuori.

E poi c’era China Girl scritta con Iggy Pop …

Daniele Ciullini Rewired Noises

Daniele Ciullini Rewired Noises youtube canale

L’instancabile Daniele Ciullini ha un suo canale Youtube.
Si possono trovare le tracce musicali provenienti dal periodo delle fanzine anni ’80 fino agli ultimi lavori.
Un ottima guida temporale per ascoltare le musiche sperimentali di Daniele Ciullini.

 

 

 

 

 

 

La mia non classifica musicale del 2015

La classifica dischi 2015

I dischi del 2015 che ho trovato più interessanti sono di autrici e interpreti femminili, voci molto personali, suggestive e affascinanti.
Si devono ascoltare di più le Donne? Chissà …
Il regalo natalizio è stato il secondo album della Contrada Lorì.
Durante il 2015 ho visto molti concerti, tutti molto piacevoli non solo per la musica ma per le belle situazioni di amicizia.
Ecco tutto quello che ha attraversato musicalmente le mie orecchie e la testa nel 2015.

Contrada Lorì “Eviva il mar”

La Contrada Lorì è il gruppo che ho e abbiamo visto di più dal vivo, d’accordo sono di Verona quindi è facile, però come non si fa a non essere presenti a un loro concerto?
Ogni volta una festa, fra allegria e ironia, che coinvolge il Loro pubblico sempre con una simpatia contagiosa. I musicisti veronesi possono esserci tutti o in parte, una formazione variabile che ci regala, come dice Marco, il Concertone! A fine 2015 è uscito il nuovo album Eviva il mar.
Provo a dare una definizione? Post folk moderno veronese di ricerca da osteria. Bravissimi.

Föllakzoid “III”

È stata la colonna sonora principale della nostra compagnia musicale! Visti dal vivo a Verona al Canarin, i ragazzi venuti dal Cile ci hanno introdotti vorticosamente nel loro space rock psichedelico … È Föllakzoid … Incidono per l’etichetta discografica Sacred Bones Records, una scoperta sorprendente.

Franti “Non classificato” 2015

Rispetto all’edizione precedente Marco Pandin di stella*nera ha aggiunto molto materiale sui Franti: volantini, interviste, scritti ecc. Un ottima occasione per approfondire o scoprire il collettivo musicale torinese di Lalli, Stefano Giaccone e soci.

→ Prosegui la lettura di La mia non classifica musicale del 2015