Franti 2016 situazione non classificata

Franti, riprendendo quelle situazioni …

Talvolta parlando con amici e conoscenti ci si chiede … e i Franti? Chi per curiosità, chi per amicizia ma soprattutto per chi l’esperienza lasciata dal collettivo musicale torinese era ed è rimasta importante.

Pur non amando le classificazioni, i Franti si autodefinirono una hardcore folk band.

Lalli, Stefano Giaccone e gli altri componenti dei Franti hanno continuato da soli o a volte incrociandosi ma troppo forte è la memoria musicale dei Franti lasciata a molto di noi, sulla società, sul lavoro, sul rapportarsi con gli altri. Tutto nasceva dalla loro musica per raggiungere chi aveva o ha il desiderio di non essere assimilato a una persona non pensante. Una delle loro caratteristiche fu di attenersi alla completa autogestione: dischi, cassette audio e concerti con la loro supervisione.

La non etichetta stella*nera di Marco Pandin ristabilisce un contatto con l’opera dei Franti, ristampando i 3 CD di “Non Classificato” e l’album di Stefano Dellifranti “Non un uomo né un soldo …”, entrambi esauriti da tempo. L’edizione del 2015 contiene i tre album e un libro ricco ricco di materiali sui Franti. Entrambe le edizioni sono state curate personalmente da Marco Pandin con Ettore Valmassoi e l’approvazione dei membri del gruppo torinese.

Dopo aver avuto fra le mani queste ristampe, ho voluto parlarne con Marco.

Domanda: Da dove nascono registrazioni de “Non un uomo né un soldo …”?
Risposta: Si era nel gennaio e febbraio 1991, prima guerra del Golfo, alla fine dell’escalation di eventi che avevano portato all’operazione Desert Storm. Stefano Giaccone, Lalli e Toni Ciavarra avevano raccolto una manciata di canzoni per dire ancora una volta no alla guerra. Sono bastate poche ore, buona la prima. Ne era stata fatta una cassetta a nome Stefano Dellifranti (+ Lalli e Toni), titolo “Non un uomo né un soldo”, messa in circolazione in poche copie di fattura casalinga, invitando a copiare e diffondere. Un messaggio in bottiglia, come si fa da sempre, affidato al mare con la speranza che non arrivi sulla spiaggia sbagliata.

→ Prosegui la lettura di Franti 2016 situazione non classificata

Jaga Jazzist Brescia 26 11 2016

Sono andato a vedere i Jaga Jazzist anche se non conoscevo la loro musica. Un po’ per la compagnia degli amici e perché alla Latteria Molloy di Brescia ho sempre visto dei bei concerti.
I musicisti norvegesi sono molti bravi e avevano allestito il palco all’inverosimile, sia come strumenti che come effetti luci.
Ripeto molti bravi ma francamente ho sentito “troppe cose” nella loro esecuzione e alla fine mi sono annoiato. Probabilmente il loro jazz elettronico sperimentale non fa me.

 

Nada Senza un perché

Me la ricordo eccome questa canzone, ora tornata a sorpresa alla notorietà del grande pubblico dei media.

Sono a cena da un caro amico e mi parla entusiasticamente della serie The Young Pope, diretta da Paolo Sorrentino. Aggiunge: “che c’è una canzone bellissima, di una cantante italiana …“. Mi racconta la scena dove in sottofondo si ascolta Senza un perché di Nada.

È da quella sera che ascolto moltissimo il brano di Nada. Sono quelle canzoni che mi entrano in testa e girano circolari. La melodia musicale insiste, la voce di Nada gentile e decisa, mi porta a visualizzare una persona buona e con una vita interiore profonda …

P. S.

La canzone è stata interpretata nella tournée di Nada assieme a Massimo Zamboni e raccolta nell’album live L’Apertura del 2005.

A Verona verità per Giulio Regeni

Verità per Giulio Regeni Verona
Passenggiando in città, lo striscione per Giulio Regeni esposto sulla facciata di edificio scolastico veronese.

L'altro Linux-Day: la tecnologia che uccide - sabato 3 dicembre a Verona

Bambino in Cina nella discarica di GuiyuL’Officina S3 (OS3) nasce, anche, come associazione ambientalista in ambito informatico, abbracciando in pieno i valori delle piattaforme open source.
Uno dei nostri fiori all’occhiello è l’attività di ridare nuova vita a personal computer dedicati alla discarica. Questa pratica è chiamata trashware, installando un sistema operativo libero di licenza d’uso a pagamento: Linux.

E’ il secondo anno che abbiamo pensato di dedicare a Linux la nostra giornata, con mese e poco più di ritardo rispetto alla data ufficiale del Linux Day, così tutti i soci di OS3 potranno esserci.

Ecco il comunicato stampa ufficiale della giornata e vi aspettiamo in tanti!

L’Officina S3, associazione che dal 2007 si occupa di rigenerare vecchi PC per scopi benefici, organizza un seminario aperto a tutti dal titolo “La tecnologia che uccide“, sabato 3 dicembre 2016, dalle ore 16.00 a Caselle di Sommacampagna (VR), presso il Qbo in via Scuole 49/A.
L’evento, che segue di circa un mese il Linux-day nazionale, ha lo scopo di mostrare le insidie della tecnologia digitale per l’ambiente e il clima. Ma Linux, il software libero e il senso critico possono darci una grossa mano per immaginare alternative.

Solo per fare un esempio, gli attivisti dell’Officina S3 da quasi dieci anni rigenerano computer altrimenti condannati alla discarica, per associazioni, scuole e privati cittadini (trashware).
Il tutto diffondendo GNU-Linux, il software libero, e, con essi, consapevolezza e senso critico.

Non è quindi solo una questione di PC rigenerati: “La nostra attività è una testimonianza di quanto possa essere perversa la tecnologia” dice Mirco Gasparini, presidente di Officina S3, “un potere invasivo che ci lobotomizza e distrugge ambiente e vite umane.
Per arricchire smodatamente la nostra parte di pianeta stiamo riempiendo di rifiuti pericolosissimi il terzo mondo. Ci sono problemi di salute, inquinamento dell’aria e dell’acqua” prosegue Gasparini.

Le discariche localizzate in Africa e in Estremo Oriente sono delle industrie insalubri a cielo aperto, dove numerose famiglie estraggono metalli preziosi e terre rare dai rottami elettronici da generazioni, usando acidi e sostanze tossiche, senza preoccuparsi di salute e ambiente.
Da anni il PC ha un ruolo marginale nell’elettronica di consumo, soppiantato dai dispositivi mobili come gli smartphone” conclude Gasparini, “per cui l’Officina S3 può fare ben poco, se non aprirci gli occhi sul vicolo cieco in cui ci siamo infilati.
L’Officina S3 presenterà i suoi corsi previsti per l’anno 2017, in particolare lo storico Smonta & Rimonta, che insegna a ricondizionare i PC per renderli di nuovo utilizzabili.
Il corso ha lo scopo di formare nuovi eco-attivisti come quelli dell’Officina S3, per opporsi costruttivamente al modello di consumo acefalo e di obsolescenza programmata imposto dalle multinazionali dell’informatica.
Sarà presentata anche la versione 16.04 di Ubuntu, personalizzata dall’Officina, per prolungare la vita dei nostri PC in piena libertà ed efficienza.
L’evento si svolgerà nel Qbo di Caselle di Sommacampagna (VR) ed è gratuito. E’ gradita la conferma contattandoci.

Programma

Ore 16:00 apertura e accoglienza;

ore 16:30 incontri e dibattiti:

  • L’Officina S3 e la sua lotta al consumismo elettronico (Mirco Gasparini)
  • La web-economy e i suoi effetti sull’ambiente (Michele Bottari)
  • Presentazione corsi 2016-2017 (Linux sui PC, Smonta&Rimonta, WordPress) e Ubuntu 16.04 OS3 version
  • Domande del pubblico.

ore 18:00 rinfresco.

Per tutta la durata della manifestazione:

  • Come tradizione, chi porterà il proprio PC potrà farsi aiutare nell’installazione di Ubuntu-linux.
  • Oltre a i soliti gadget e componenti hardware usati, quest’anno saranno disponibili gratuitamente alcuni PC già pronti (altri si possono prenotare), per iniziare da subito la vostra esperienza con Linux.
  • Saranno disponibili alcune copie del libro “L’uso del personal computer con Linux”, orgoglio dell’associazione, scritto da Mirco Gasparini.

Per maggiori informazioni contattaci: info@officina-s3.org

Diritto di uccidere di Gavin Hood

Tutti i protagonisti del film hanno un obiettivo da perseguire.
I militari, molto pragmatici, di uccidere un piccolo gruppo terroristico. I politici, che nonostante i dubbi legislativi, morali (pochi) e le ripercussioni diplomatiche, di decidere e di avallare la missione militare.
Tutta la vicenda si svolge in tempo reale, attorno ai cosiddetti “danni collaterali” che vivono la loro semplice quotidianità.
Sebbene vi sia qualche accenno di propaganda, il film ha un bel ritmo in crescendo. Gli attori sono molto rappresentativi nella parte.

Diritto di uccidere trailer ufficiale

 

Voto

ciack 4 voto film

Jeff Buckley che oggi avrebbe 50 anni

Jeff Buckley foto di Hideo Oida
Caro Jeff,
oggi avresti compiuto 50 anni, due più di me.
Ricordo un concerto straordinario a Correggio, il 15 luglio del 1995.
Tu che esordisti dicendo che non avevi la voce a posto ma che poi non ti risparmiasti.
Tu che avevi una voce unica.
Tu che hai fatto la più bella e significativa versione di Hallelujah di Leonard Cohen.
La mia canzone preferita? Last Goodbye oppure Dream Brother oppure …
Tanti Auguri Jeff!

Rubella Ballet ovvero facendo ordine nell'armadio

Rubella Ballet spilla pinUn fine settimana fa, si è affrontato l’armadio dei vestiti. Il tempo e la moda sono passati e alcuni capi non erano più da portare.
La soddisfazione è che il giro vita non è aumentato, mentre la cosa che invece mi ha sorpreso, è stata di ritrovare la spilla fucsia dei Rubella Ballet!

Il gruppo inglese faceva parte della scena anarcopunk dei Crass e delle Poison Girls. Le tematiche dei Rubella Ballet erano più personali, sui sensi repressi dell’individuo che non verso la politica e la società. La band si contraddistingueva per l’approccio punk, ma soprattutto per i colori, rispetto al nero imperante. I vestiti erano realizzati da loro stessi ed erano coloratissimi, come del resto si può intuire dalla spilla.

Una altra forma di do it yourself – di autoproduzione.

 

 

Riferimenti

Rubella Ballet la discografia su Discogs

Hey, Goodbye Leonard Cohen

 

Leonard Cohen

Conobbi per la prima volta l’Arte di Leonard Cohen per una amicizia. Era una serata invernale e fredda, come i giorni della merla. Eravamo io e mio fratello a casa di un amico, mentre ci preparava un Tè nero e bollente ascoltai per la prima volta gli album di Leonard Cohen.

Mi colpì immediatamente la sua voce calda, profonda e calma. Poi mio fratello cercò alcuni suoi dischi, io un po’ più avanti comprai la raccolta I’m tour fan, con canzoni di Cohen interpretate da musicisti indipendenti, fra cui Nick Cave, i R.E.M e tanti altri.

Così ricordo che conobbi le canzoni del poeta canadese prestato alla musica.

Leonard Cohen I'm your fan

Riferimento
Various – I’m Your Fan

beat! a Roma II festival internazionale dei poeti 28 luglio 1980

Copertina di beat! a Roma II festival internazionale dei poeti 28 luglio 1980 stella*neraIniziai a conoscere la Beat Generation verso la metà degli anni ’80, leggendo Sulla strada di Jack Kerouac, prestatomi da un amico.
Da quel libro, tradotto da Fernanda Pivano, il passo fu breve per conoscere gli altri poeti Beat come Ferlinghetti, Ginsberg e qualche altro artista vagabondo.
La poesia Beat mi aprì un nuovo modo di leggere e vedere il mondo circostante.
Pensai che figata doveva essere poter ascoltare le loro voci mentre leggevano le poesie …
stella*nera, la non etichetta di Marco Pandin, ha pubblicato un libro con CD audio sulla Beat Generation. Perché?
Beh, Marco era presente alle letture dei poeti beat invitati a Roma per il Festival Internazionale dei poeti. Poco tempo fa, nell’underground di casa Pandin, spuntano fuori un paio di nastri registrati della serata.
Ora possiamo ascoltare dalla viva voce degli artisti presenti il beat recitato poetico. I contributi sonori furono registrati il 28 luglio del 1980.

Nel libro vi sono le traduzioni delle poesie lette dagli autori. Sono presenti alcuni saggi sulla poesia e i movimenti politici. Vi è anche un colloquio con la massima conoscitrice dei poeti Beat, Fernanda Pivano, intitolato Beat utopia.

Contributi sonori di Anne Waldman, Antler [Brad Burdick], John Giorno, Joanna Mc Clure, Michael Mc Clure, Gregory Corso, William Burroughs, Allen Ginsberg & Peter Orlovsky.
Contributi scritti di Lawrence Ferlinghetti, Fernanda Pivano, Gabriele Roveda, Redazione di A/Rivista Anarchica.

Riferimenti:
  • Il libro comprensivo del CD, non è distribuito commercialmente, si può richiedere a stella*nera oppure a Dethector in cambio di un’offerta libera/consapevole.
  • Ogni copertina ha un oggetto creato dai ragazzi del Ceod “S. Giuseppe” di Padova, che ospita persone con disabilità.

 

Io, Daniel Blake di Ken Loach

Daniel non può riprendere a lavorare a 59 anni dopo un arresto cardiaco. La sua vicenda diventa assurda perché il sistema che dovrebbe aiutarlo, con la sua burocrazia lentamente lo immobilizza, senza fargli ottenere il legittimo sussidio di disoccupazione per invalidità. Il protagonista non si arrende e continua tenacemente la quasi disperata richiesta.
Ken Loach racconta la vicenda con realismo, con un pizzico di ironia e un profondo rispetto per i personaggi.
Il regista mostra i meccanismi articolati che schiacciano Daniel e le storie che si intrecciano con lui.
Un film speciale sul senso di solidarietà e con una critica sociale molto attuale.
Memorabile la scena di Daniel con la bomboletta spray.

Io, Daniel Blake trailer ufficiale

Voto:
Film voto ciack 4 icona