Neil Young sta con i nativi di Standing Rock

Proteste Standing Rock NODAPLIn onore delle nostre future generazioni, noi combattiamo questo oleodotto per proteggere la nostra acqua, i nostri luoghi sacri e tutti gli esseri viventi.
Standing Rock.org

Purtroppo la storia si ripete con gli indiani d’America: pochi giorni fa è stato sgombrato il campo base dell’accampamento di protesta di Standing Rock. I nativi americani che vivono nella omonima riserva stanno contestando e cercando di bloccare pacificamente la costruzione dell’oleodotto Dakota Access Pipeline che attraverserà delle aeree fluviali e lacustri. I nativi sono molto preoccupati per l’impatto ambientale e ai possibili danni causati dall’inquinamento. Le proteste sono iniziate nel 2014 e hanno avuto una risonanza anche internazionale. Molte celebrità hanno dato il loro supporto e sono state a Standing Rock. Fra chi ha dato il suo contributo, non poteva mancare il rocker Neil Young. Il cantautore canadese ha dedicato una canzone alla battaglia di Standing Rock, tratta dal suo ultimo disco Peace Trail (2016).

L’album è stato definito un instant record perché affronta temi contemporanei su cui c’è un forte dibattito: la politica, l’ambiente da salvaguardare o la riflessione sul disinteresse delle persone. Il disco è diretto e scarno per testimoniare l’urgenza dei messaggi. Proprio il brano Indian Givers è a favore delle persone di Standing Rock e della loro causa. Il video della canzone è stato montato con reportage televisivi e riprese fatte con lo smartphone da Neil Young stesso. La canzone è un duro atto d’accusa verso i bianchi e l’ipocrisia che sta dietro alla costruzione del Dakota Access Pipeline. È noto che fra i finanziatori ci sono due banche europee: l’italiana Intesa Sanpaolo e l’olandese ING.

Greenpeace Italia ha lanciato una petizione per chiedere a Banca Intesa di non finanziare il Dakota Access Pipeline. [Si può firmare qui].

There’s a battle raging on the sacred land
Our brothers and sisters have to take a stand
Against us now for what we’ve all been doin’
On the sacred land there’s a battle brewin’
I wish somebody would share the news
I wish somebody would share the news
I wish somebody would share the news
Now it’s been about five hundred years
We keep taking what we gave away
Just like what we call Indian givers
It makes you sick and gives you shivers
I wish somebody would share the news
I wish somebody would share the news
I wish somebody would share the news
I wish somebody would share the news
Big money goin’ backwards and ripping the soil
Where graves are scattered and blood was boiled
When all who look can see the truth
But they just move on and keep their groove
I wish somebody would share the news
I wish somebody would share the news
I wish somebody would share the news
Saw Happy locked to the big machine
They had to cut him loose and you know what that means
Yeah, that’s when Happy went to jail
Behind big money justice always fails
I wish somebody would share the news
I wish somebody would share the news
I wish somebody would share the news
I wish somebody would share the news
Bring back the days when good was good
Lose these imposters in our neighborhood
Across our farms and through our waters
All at the cost of our sons and daughters
Our brave songs and beautiful daughters
We’re all here together fighting poison watersStanding against the evil way
That’s what we have at the end of dayI wish somebody would share the news
I wish somebody would share the news
I wish somebody would share the news
I wish somebody would share the news
C’è una battaglia che infuria sulla terra sacra
I nostri fratelli e sorelle devono prendere posizione
Contro di noi per colpa di ciò che stiamo facendo
Sulla terra sacra una battaglia si avvicina
Spero che qualcuno condividerà la notizia
Spero che qualcuno condividerà la notizia
Spero che qualcuno condividerà la notizia
Ormai sono cinquecento anni che
Continuiamo a tenerci quello che abbiamo portato via
E continuiamo a dirci, “che indiani generosi” (1)
Ti fa sentire disgustato e ti dà i brividi
Spero che qualcuno condividerà la notizia
Spero che qualcuno condividerà la notizia
Spero che qualcuno condividerà la notizia
Spero che qualcuno condividerà la notizia
Il denaro torna indietro e lacera la terra
Cosparsa di tombe e dove il sangue ribolliva
Quando chiunque guarda può vedere la verità
Invece se ne va e torna alla sua vita
Spero che qualcuno condividerà la notizia
Spero che qualcuno condividerà la notizia
Spero che qualcuno condividerà la notizia
Ho visto Happy incatenato alla grande macchina (2)
Dovevano dargli il benservito, sai cosa vuol dire
Yeah, fu così che Happy andò in prigione
Davanti ai soldi la giustizia perde sempre
Spero che qualcuno condividerà la notizia
Spero che qualcuno condividerà la notizia
Spero che qualcuno condividerà la notizia
Spero che qualcuno condividerà la notizia
Torniamo ai giorni in cui il bene era il bene
Cacciamo questi impostori dal nostro quartiere
Dalle nostre fattorie e dai nostri fiumi
Ne va dei nostri figli e delle nostre figlie
I nostri coraggiosi figli e le nostre bellissime figlie
Siamo qui tutti insieme a combattere le acque avvelenate
In piedi contro il male
E’ quello che ci resta alla fine della giornataSpero che qualcuno condividerà la notizia
Spero che qualcuno condividerà la notizia
Spero che qualcuno condividerà la notizia
Spero che qualcuno condividerà la notizia
Note

(1) “Indian givers” è un’espressione che significa “persona che vuole riprendersi ciò che ha regalato”. Tale espressione nacque in America all’epoca dei colonizzatori europei e viene oggi ritenuta offensiva nei confronti dei nativi americani (Wikipedia). Non essendo possibile tradurla letteralmente, si è optato per una traduzione che rendesse lo stesso significato critico e ironico che costituisce il messaggio della canzone. Con l’espressione originale Young intende sottolineare che l’uomo bianco si comporta esattamente come coloro che ha sempre criticato e combattuto: i nativi.
(2) Young si riferisce ad un episodio avvenuto durante le proteste a Standing Rock. Dale “Happy” è un attivista che è stato arrestato per essersi incatenato alle attrezzature in segno di protesta.
Curiosità: Neil Young ha festeggiato il suo 71° compleanno suonando con gli indiani a Standing Rock.
Nota: Il testo e la traduzione sono del sito neilyoungtradotto.blogspot.it.

Pubblicato su Bioimita.

Tu dal tuo trono

Cielo

Tu che dal tuo trono annunci una nuova corsa all’armanento.

Noi invece qui e lontani, mi chiedo se guardi mai un cielo come questa mattina.

Tu che pensi di governare e comandare.

Noi invece qui e mi dico che sono e sarò lontano da te.

Tu che potresti avere un punto di vista diverso e invece mi pare il niente … ma vai a farti fottere.

Genius: il sito giusto per i testi delle canzoni

Genius, testi, album

Quando ascolto un album, per me è una seccatura non trovare i testi. Le parole in una canzone sono parte integrante con la musica, almeno così la penso.
Fa lo stesso che sia la busta di un vinile (meglio perché più grande) o il libretto di un cd. Mi piace seguire le parole del cantante e a volte cercare di tradurle dall’inglese.
Quindi non avere i testi mi dà qualche difficoltà. Allora che faccio?
Cerco nella rete internet se da qualche parte le hanno pubblicate queste parole.
Il più delle volte finisco in siti non completi, stracolmi di pubblicità varie e spesso fuori luogo. Insomma ecco altre seccature.

Poco tempo fa navigando fra i blog, ho trovato un post che mi ha incuriosito per il titolo: Rivoluzione Nei Testi: Il Più Bel Sito Di Lyrics Di Sempre.
L’autore descrive entusiasticamente Genius e le sue funzioni: oltre al testo si possono trovare delle annotazioni, a livello del testo stesso, verso o parole. Le note possono fare i navigatori o gli autori dei testi, opportunamente verificati da Genius. Un’altra funzione comoda è il link alla canzone o l’embed (incorpori il testo nel tuo blog). Aggiungo che la ricerca del sito è davvero potente, da una canzone si può risalire all’album, al gruppo o persino al produttore.

Mi piace.

La bruma al mattino e i Sigur Ros ( ) 6

Bruma al mattino, da Custoza verso Villafranca Verona

La bruma al mattino, attesa della giornata.

Caffè zoologico

Notare che la tazzina è un tutt’uno con il piattino.

Dedicato ad Alessandro e alle nostre cene. 

Francesco Guccini - Culodritto

Una canzone che mi ha sempre colpito, perché l’ho fatta profondamente mia vedendo lo sguardo dei miei figli.
Il vocione di Guccini racconta il legame paterno, il desiderio di avere la stessa curiosità e l’innocenza di un bambino.
Il finale è un augurio di buona vita e speranza alla crescita. 

Culodritto di Francesco Guccini, dall’abum Signora Bovary (1987)

Ma come vorrei avere i tuoi occhi, spalancati sul mondo come carte assorbenti
e le tue risate pulite e piene, quasi senza rimorsi o pentimenti,
ma come vorrei avere da guardare ancora tutto come i libri da sfogliare
e avere ancora tutto, o quasi tutto, da provare…

dammi ancora la mano, anche se quello stringerla è solo un pretesto
per sentire quella tua fiducia totale che nessuno mi ha dato o mi ha mai chiesto;
vola, vola tu, dov’ io vorrei volare verso un mondo dove è ancora tutto da fare
e dove è ancora tutto, o quasi tutto…
vola, vola tu, dov’ io vorrei volare verso un mondo dove è ancora tutto da fare
e dove è ancora tutto, o quasi tutto, da sbagliare…

 

 

Sul bracciolo del divano

Mi ero seduto sul bracciolo del divano, voi stavate guardando un film d’animazione.
Eravate intenti a seguire la storia sullo schermo.
Io alternavo lo sguardo fra le vostre spalle e il film.
Pensavo anche sarebbe meglio infilarmi un maglione.
Tu ti sei alzato, forse ti stavi annoiando, d’altronde sei a vista d’occhio sempre più grande.
Vieni verso il bracciolo e ti siedi al mio fianco.
Lentamente ti stringi, metti il tuo braccio sulla mia schiena e la tua mano sulla mia spalla.
Sento meno freddo.
Poi tu dici: “Papà …“.

I pugni di Donald Trump

Stavo sfogliando il supplemento speciale dell’Internazionale intitolato “Presidente Trump” e mi accorgo che fa il pugno, come se fosse di sinistra.

Resto sorpreso, poi ho capito, è lui che è aggressivo.

Il monitor in ufficio mi sorride

Il monitor in ufficio mi sorride

Niente male iniziare a lavorare così, eh?

Luigi Tenco il mio ricordo

Steven Brown Luigi Tenco

I miei fratelli ed io abbiamo conosciuto musicalmente Luigi Tenco perché piaceva molto a nostra madre. La mamma ci diceva che Tenco era un cantante completamente diverso da quelli melodici sanremesi. I testi e la sua interpretazione erano “avanti“, raccontavano l’amore e le situazioni lì attorno con un punto di vista personale, moderno, e aggiungo tutt’ora attuale.
Le fece molto piacere quando nel 1988 tornai a casa con il minilp di Steven Brown “Brown Plays Tenco: Le Canzoni Di Luigi Tenco” dell’etichetta Industrie Discografiche Lacerba di Firenze, gestita da Paolo Cesaretti e soci. Steven Brown è uno dei musicisti americani dei Tuxedomoon.
Ricordo che il disco fu suonato moltissimo in famiglia, perché erano le canzoni di Luigi Tenco e perché l’interpretazione di Brown era davvero curiosa e particolare. Faceva strano sentire un accento americano che cantava in italiano ed inglese. Un effetto melancolico.

Ero troppo curioso di conoscere la genesi di questo album, così mi misi sulle tracce dell’etichetta fiorentina. Paolo Cesaretti fu molto gentile e parlammo del disco dedicato al musicista italiano.

… la memoria di Tenco era viva ma forse confinata alla generazione dei nostri genitori. Tra l’altro era il ricordo di un personaggio scomodo, antitetico nell’ Italia del boom economico, dell’evasione e della leggerezza, caratterizzato da un costante amaro esistenzialismo.

Paolo Cesaretti

La nostra chiacchierata è sotto forma di intervista: Paolo Cesaretti di Free racconta di Brown Plays Tenco.

Si può ascoltare la playlist dedicata a questo mini album, edito nel 1988 dall’ IDL – Industrie Discografiche Lacerba, ora ristampato da LTM Recordings.