Il blog Sull'amaca è su Telegram

Telegram, foto, screenshot del canale Sull'amacaOrmai quasi tutte le persone sono connesse alla rete delle reti, ovvero Internet.
Tutto è accaduto e accade soprattutto con gli smartphone. Oggi chiunque ha un telefonino e usa un programma di chat per chiaccherare con amici, conoscenti ecc.
Nell’universo dei “social” impera l’applicazione Whatsapp, ma nell’ecosistema sociale digitale esiste una specie “biodiversa“: Telegram.
L’app di Telegram è disponibile gratuitamente su tutti i sistemi operativi dei telefonini e dei pc, compreso Linux. Personalmente da quando è nato Telegram lo utilizzo con amici e conoscenti, anzi invito le persone a provarlo. I suoi punti di forza sono la facilità d’uso, la presenza su qualsiasi piattaforma, mobile o desktop. Una delle funzioni è la creazione di canali per inviare aggiornamenti ad esempio di un blog.

Telegram è un software open source: un programma i cui autori ne permettono e ne favoriscono il libero studio e l’apporto di modifiche da parte di altri programmatori indipendenti.
Esattamente il contrario di Whatsapp, perché il codice sorgente di Telegram è libero e disponibile per tutti, nella maniera più trasparente possibile

Il creatore è Pavel Durov, insieme al fratello Nikolai, che sono i proprietari di Telegram. Sul sito ufficiale si legge: «Telegram non è pensato per produrre profitti, non venderà mai pubblicità e non accetterà mai investimenti esterni. Non è in vendita. Non stiamo costruendo un database ma un programma di messaggistica per le persone».
Non so se sarà sempre così, però per questi motivi ho scelto di usare Telegram. Se vi ho incuriosito, potrete sapere dei miei post anche sul canale del blog Sull’amaca.

Fate magari una prova e seguitemi su questo canale e comunque sempre Happy Blogging!

Riferimenti