Daniele Ciullini Rewired Noises

Daniele Ciullini Rewired Noises youtube canale

L’instancabile Daniele Ciullini ha un suo canale Youtube.
Si possono trovare le tracce musicali provenienti dal periodo delle fanzine anni ’80 fino agli ultimi lavori.
Un ottima guida temporale per ascoltare le musiche sperimentali di Daniele Ciullini.

 

 

 

 

 

 

5 Perché dovevi registrare un vinile negli anni '80?

Giacomo Spazio è un artista underground a tutto tondo: musicista, grafico e pittore, nonché fondatore della fanzine Vinile e fondatore dell’etichetta discografica Vox Pop.
Le sue attività iniziarono negli anni’80 a Milano, è stato anche membro fondatore della band new wave 2+2=5.
Sentiamo da Giacomo perché si doveva registrare un vinile negli ann’80.

2+2=5 Giacomo Spazio Trevor Finn Rieko

Giacomo Spazio, inseguitore di sogni

Non ho mai pensato che fare un disco in vinile fosse importante.
Quando ho iniziato ad occuparmi seriamente di musica, producevo K7 (tape). Belle, bellissime. Facili da comperare e ancora più semplici da registrare, in casa con la doppia piastra. Vero DIY.
Regitrare un disco in vinile, arrivò, anni dopo. Quando Nino si convinse che potevamo insieme produrre qualcosa di interessante. Solo allora, finite le registrazioni di “…Into The Future…” con Rieko che ci diede man forte suonando le tastiere, pensammo che era il momento di stampare un vero e proprio LP. Ci aiutò in questo la Ma.So. e finalmente la nostra band, che in culo alle regole, avevamo battezzato con un operazione matematica (2+2=5), diventò reale. Tutti, al dire il vero non proprio tutti poiché stampammo 500 copie, si accorsero che esistevamo.
Persino la rivista inglese NME, parlò del nostro disco. Ma concerti praticamente nulla. Quelli arrivarono dopo, quando le strade artistiche di ognuno iniziarono a prendere direzioni differenti. Ma sono davvero felice di avere pubblicato dei dischi in gioventù, sia per l’amicizia che mi lega ancora ai miei compagni di avventura, sia perché (come tutti quelli che allora hanno lasciato un segno tangibile) abbiamo inciso in maniera indelebile la STORIA di questa nazione!

Daniele Ciullini esce DOMESTIC EXILE COLLECTED WORKS 82-86

Daniele Ciullini è instancabile e non ne vuole sapere di stare fermo con la sua musica electro, ambient e industrial!
Mi fa piacere che esistano etichette discografiche che ricerchino e rendano disponibili i tesori dell’underground italiano degli anni’80.
Grazie alle selezioni di Alessio Natalizia e alla Ecstatic Records di Londra, possiamo trovare in vinile e in dowmload DOMESTIC EXILE COLLECTED WORKS 82-86 in una bella edizione ristampata.

Daniele Ciullini esce DOMESTIC EXILE COLLECTED WORKS 82-86

… Tra vita e musica non credo esistano separazioni. I miei momenti di critica e di opposizione ad un certo panorama culturale e politico hanno preso la forma di un suono industriale fatto di rumori cupi, suoni pesanti e ritmi martellanti. Domestic Exile riflette invece un momento di arretramento, di arroccamento dentro le mura di un animo stanco. Non l’ho costruito a tavolino per sonorizzare un vuoto. Ho semplicemente preparato delle basi ossessive sulle quali ho innestato lunghi e profondi suoni ottenuti filtrando tutti gli strumenti disponibili0 …
Daniele Ciullini

 

Esistono due edizioni, di cui una particolare con poster e cartoline.

Riferimenti:

 

 

Clock DVA Interzona Verona

Clock DVA Interzona Verona Adi Newton Adi NewtonI Clock DVA di Adi Newton hanno suonato all’ Interzona a Verona, eseguendo un concerto multimediale con musica elettronica e immagini proiettate.
Adi Newton e i suoi assistenti entrano vestiti di bianco ghiaccio, sembrano degli scienziati provenienti da un laboratorio biologico – digitale.
Poche parole e il concerto inizia con un flusso di musica elettronica ed immagini, integrate perfettamente.
Suoni digitali che fanno di rimando alla new wave più sperimentale, ai Kraftwerk, ai ritmi free jazz, suoni elettronici con sequenze meccaniche e atmosfere notturne.
I brani sono per lo più strumentali, alcuni sono alternati con la voce di Adi Newton, monocorde e oscura.

→ Prosegui la lettura di Clock DVA Interzona Verona

4 Perché dovevi registrare un vinile negli anni '80?

Confusional Quartet Morrowyellow copertine vinile

Entrare in studio per registrare un disco in vinile o una cassetta su nastro magnetico, era un passo importante, certamente meglio il vinile fra i due supporti sonori.
Altre due voci dall’underground italiano nostro underground parlano della loro esperienza sicuramente vera e disincantata. Marco dei Confusional Quartet e Joyello dei Morrowyellow non si fermati agli anni ’80, sono andati oltre, fino ad oggi.

→ Prosegui la lettura di 4 Perché dovevi registrare un vinile negli anni ’80?

Vinile la fanzine rivista - musicale intervista a Giacomo Spazio

Fanzine Vinile 2 retro copertinaLa fanzine Vinile fu fondata a Milano negli anni ’80 e si tratta di una delle pubblicazioni underground più note. Gli artefici furono Carlo Charlie Albertoli, Gigi Marinoni e Giacomo Spazio.

Giacomo si occupava della parte grafica. Vinile era fra le pubblicazioni di Stampa Alternativa e l’intento di Charlie, Gigi e Giacomo era di creare una rivista nettamente diversa dalle altre riviste musicali italiane. Tenevi in mano Vinile come se fosse la copertina di un 45 giri, infatti queste erano le dimensioni di Vinile, il tutto interamente stampato su carta riciclata. La grafica interna molto underground, con immagini e disegni a fotocopia sporca ingrandita, mentre i caratteri per i testi sembravano quelli di una vecchia macchina da scrivere, ciò nonostante la sfogliavi e la leggevi benissimo.

Prima Carlo “Charlie” Albertoli poi il direttore pre – punk Gigi Marinoni ed ecco Giacomo Spazio, agitatore culturale, musicista con la band new wave 2 + 2 = 5, fondatore dell’etichetta musicale Vox Pop nonché artista.

→ Prosegui la lettura di Vinile la fanzine rivista – musicale intervista a Giacomo Spazio

Vinile la fanzine rivista - musicale intervista a Gigi Marinoni

Vinile le copertine dei cinque numeriLa ricerca, che da tempo faccio qui nel blog, sulla scena musicale indipendente italiana, non poteva non imbattersi nella fanzine milanese Vinile.
La fanzine era curata Carlo Albertoli, Gigi Marinoni e Giacomo Spazio, tutto questo accadeva alla fine degli anni ’80 a Milano.

La rivista era pubblicata da Stampa Alternativa ed possedeva un aspetto grafico e di contenuti molto diverso dalla stampa musicale ufficiale. L’impianto grafico aveva le dimensioni di un 45 giri, copertina e pagine interamente stampate su carta riciclata. La grafica interna molto underground, con immagini e disegni a fotocopia sporca ingrandita, mentre i caratteri per i testi sembravano quelli di una vecchia macchina da scrivere, ciò nonostante la sfogliavi e la leggevi benissimo.

Ad ogni numero vi era un dischetto e una volta furono anche due. I brani erano tutti inediti di band italiane indipendenti e straniere. Le pagine erano fitte di recensioni musicali brevi e immediatamente comprendevi se spenderci delle lire. All’interno di Vinile vi erano articoli, interviste, discografie e concerti, insomma una fanzine o forse proprio una vera rivista musicale.
Dopo aver intervistato Carlo “Charlie” Albertoli mi sono chiesto perché non sentire anche il direttore pre – punk Gigi Marinoni sull’esperienza di Vinile? Ecco le stesse domande fatte a Carlo Albertoli rivolte a Gigi Marinoni.

→ Prosegui la lettura di Vinile la fanzine rivista – musicale intervista a Gigi Marinoni

Daniele Ciullini e la compilation New Wave Mutazione

VVAA Mutazione Italian Electronic & New Wave Underground 1980 - 1988Daniele mi ha scritto pochi giorni fa per informarmi che il suo brano Ancora Icone è stato inserito nella compilation Mutazione, edita dall’etichetta inglese Strut Records. La raccolta include molti gruppi underground degli anni ’80 italiani. La maggior parte dei pezzi uscirono per compilation edite da fanzine e quindi non di facile reperibilità ora. La compilation è un ottima occasione per ascoltare o scoprire queste band dell’underground nostrano, dove la sperimentazione e la creatività correva sicuramente liberamente.
Mi sono fatto raccontare da Daniele un po’ di cose. La compilation è stata curata da Alessio Natalizia membro dei gruppi Disco Drive e Walls.

Domanda: Il brano con cui partecipi alla compilation Mutazione a quando risale?
Risposta: Ancora icone
è stato registrato nel 1982 alla fine di una interazione col gruppo genovese De Rezke: ognuno era, al momento, sconosciuto all’altro.

D: Da cosa nasce?
R: Prende avvio dall’idea di attivare una “struttura modulare illimitata” che consentisse, prima del diffondersi della rete, a musicisti lontani geograficamente di lavorare insieme sullo stesso brano. Sviluppa il modus operandi della mail art che realizza mostre e pubblicazioni frutto della partecipazione di molti artisti. Qui il concetto viene però allargato e si è lavorato a produrre un “unico”, formato dal contributo di molteplici.

→ Prosegui la lettura di Daniele Ciullini e la compilation New Wave Mutazione

3 Perché dovevi registrare un vinile negli anni '80?

TLOTG official logo - Endless NostalgiaBi Nostalgia è il leader e il cantante del progetto musicale Endless Nostalgia, un gruppo indipendente italiano degli anni’ 80, tutt’ora attivo. La particolarità degli Endless Nostalgia che sebbene erano persi nella “bassa e nebbiosa”  veronese, si crearono un loro universo musicale parallelo, sviluppato in un ambiente elettronico new wave. Le sue parole ci raccontano il perché lasciare una traccia sonora su vinile.

Nell’immaginario new wave italico, si doveva certificare in qualche modo la testimonianza su vinile, l’appartenenza a quel periodo.
E parla chi, di album, non ne ha mai pubblicati e che amava i 45 giri più che i 12″.
Provenendo da una base non-musicante, la fase della composizione era quella che mi dava più soddisfazione, all’epoca. Certo che, avere un proprio vinile in mano è per un musicista, come concepire un figlio, come dare alla luce qualcosa di proprio, anche se in studio quell’atto d’amore veniva ripetuto e simulato centinaia di volte, per dargli forma. Ore di drum machine, di riff insistiti, di scelta timbrica, per confluire in pochi minuti di piacere.
Adesso, credo, sia tutto più semplice, l’idea iniziale è più facile da tenere sotto controllo rispetto alle registrazioni casalinghe e il risultato più fresco, meno condizionato da ragioni di etichetta e di simil-sound oltre manica.
Tutt’ora mi manca quella parte umorale della composizione, tanto che, solleticato da qualcuno, ho trovato il coraggio di riprendere il filo interrotto anni fa.

Riferimenti

Plasticost concerto per il 30° anniversario

Plasticost locandina concerto Marostica VI 19 luglio 2013 30° anniversarioE’ con grande piacere e sorpresa che a Marostica (VI), il 19 luglio suoneranno i Plasticost per festeggiare il trentesimo anniversario dall’uscita del loro primo album.
Il gruppo fu una realtà particolare dell’allora panorama undeground italiano, perché grazie ai suoi pirotecnici live show di impostazione teatrale, ma non è purtroppo riuscito a farsi concretamente spazio in un mercato discografico forse intimidito dall’originalità dell’approccio; partita con uno stile di derivazione new wave, che ha trovato nella memorabile Canzone Dada di PLA’STICOST il suo più efficace manifesto.  [1]

Uno dei membri fondatori è Sergio Fox Volpato che ha già partecipato alle puntate dedicate di Eighty Blues ovvero non si esce vivi dagli anni ’80 e Perché dovevi registrare un vinile negli anni ’80?.

Vorrei aggiungere che Marco Pandin della fanzine Rockgarage me li descrisse come:

Anche i Plasticost dal vivo erano un’esperienza mistica: … ma credo siano stati l’unico gruppo blasfemo, pericoloso, anarchico, impossibile da afferrare. Altro che i mille gruppetti punk superanarchici.

Non mancate!

→ Prosegui la lettura di Plasticost concerto per il 30° anniversario