Songs of your life TAG

Songs of your life TAG

Ho scritto il post che stai leggendo, su invito di Kikkakonekka del 16 febbraio. E’ stato gentile a coinvolgermi nell’iniziativa fra blogger: Songs of your life TAG. In pratica si tratta di scrivere un articolo e di rispondere a delle domande riguardanti le canzoni che ti hanno particolarmente segnato nella tua vita. Il post è collegato idealmente e digitalmente ad altri articoli dei partecipanti di Songs of your life TAG. Ero un pochetto indeciso se parteciparvi, sarà che non amo le classifiche definitive e che non è facile sintetizzare una passione di una vita in un post, ma alla fine per rispetto di Kikkakonekka, ci ho voluto provare.

Regole facili di Songs of your life TAG
  • Citare il creatore del post (leggi sotto)
  • Inserire l’immagine ufficiale del post (vedi sopra)
  • Rispondere alle 15 domande (leggi sotto)
  • Nominare 10 blogger più lo stesso Neogrigio che è il creatore dell’iniziativa ed è molto curioso di leggere le risposte dei colleghi
Le 15 domande

Domanda: La tua canzone preferita?
Risposta: Non vale sono sempre tante o troppe, sono fatto così, sono in difficolta, allora scelgo La guerra di Piero di Fabrizio de Andrè.

D: Il tuo cantante/gruppo preferito?
R: Idem come sopra. Devo scegliere eh? Resto ancora in Italia: Vinicio Capossela.

D: Il tuo musicista preferito?
R: Uffa! Nick Cave! Non ci sto: Neil Young, Giorgio Gaber, Tom Waits, Blixa Bargeld, Paolo Conte, Franco Battiato, Ian Curtis dei Joy Division, i Tuxedomoon … vabbè mi fermo.

D: Il vostro cd preferito (no raccolte, live o greatest hits)?
R: Silence is Sexy dei berlinesi Einstürzende Nuebauten: è la somma della loro ricerca sonora e lirica.

D: Potessi fare un duetto in un live, con chi lo faresti? E con quale canzone?
R: Non lo farei proprio, sono stonato come una vecchia campana! Però ci metto due canzoni: Henry Lee cantata da P. J. Harvey e Nick Cave e un terzetto con Pensiero stupendoPatti BravoJoe dei La Crus e Manuel Agnelli degli Afterhours. Sto iniziando a rispondere liberamente.

D: Concerti: l’ultimo visto? Quello che vorresti vedere? Quello più bello? E quello più brutto?
R: Sono stato a tantissimi concerti, spesso ne ho scritto qui nel blog. L’ultimo è stato venerdì sera: Sick Tamburo, un gruppo di rock alternativo italiano, bravi, energetici. Mi piacerebbe vedere moltissimo dal vivo Tom Waits. Devo riconoscere che ho sempre assistito a concerti quasi tutti belli, se devo proprio scegliere, quello che mi è rimasto nel cuore è di Jeff Buckley a Correggio (RE), il 15 luglio del 1995. Il mio brutto? C’è di sicuro ma non lo ricordo.

D: Il tuo più vecchio ricordo musicale?
R: Il giradischi portatile automatico GA 45 POP della Grundig: ce lo alternavamo fra noi fratelli. Poi mia madre che ci raccontava di Sergio Endrigo, Luigi Tenco e metteva sullo stereo grande gli album di Mina.

D: Chi fareste tornare in vita per godere ancora della sua musica?
R: La vita non è come un nastro che puoi riavvolgere. C’e chi se ne è andato troppo presto come Jeff … comunque mi piacerebbe sentire come racconterebbero questo Paese il Signor G e Faber, ma forse l’avevano già fatto in alcune loro canzoni.

D: Dance anni ’70, ’80 o ’90?
R: Non sono mai stato un gran frequentatore delle discoteche, per età anagrafica direi gli anni ’80. In un lampo di memoria sento nelle orecchie New gold dream dei Simple Minds, Tainted love dei Soft Cell e Marian dei The Sisters of Mercy.

D: La canzone che vorreste fosse suonata al vostro matrimonio?
R: Non saprei ora, non mi devo risposare. Al tempo scegliemmo tre canzoni con la mia ex, ma non le scrivo. Si perderanno nella memoria.

D: Cd, mp3, Spotify o vinile?
R: A seconda della praticità della situazione. Non sono un maniaco del vinile, sebbene qualcuno lo compro ancora, se costa poco. Generalmente prendo i Cd, perché ascolto la musica in casa. Se trovo un buon negozio di musica compro sempre qualcosa che sia in Cd o in vinile ma usato: a Padova c’è il 23. In automobile prevalentemente la radio o su una chiavetta usb con gli album che ho in casa.

D: Che ne pensi della discografia musicale italiana degli ultimi 5 anni?
R: Direi che abbiamo Vasco Brondi de Le Luci della Centrale Elettrica: riesce a raccontare bene il recente passato e il presente con una visione futuribile. È molto sulle mie corde. Colgo l’occasione poi di segnalare il lavoro costante ed importante dell’Alligatore: nel suo blog da spazio in modo approfondito a musicisti esordienti. Non entro nel tema festival o altre trasmissioni televisive perché non mi interessano.

D: Qual è l’ultimo cd che hai acquistato?
R: Come ho risposto prima, dopo il concerto dei Sick Tamburo, il loro album del 2017 Un giorno nuovo, a dire il vero in vinile.

D: C’è una canzone che associ ad un bel ricordo? (indica canzone e ricordo).
R: È intrecciata spontaneamente ad un bel fine settimana: Antonella Ruggiero e i Subsonica con Per un ora d’amore.

D: Canzone e cd del momento?
R:  Circa un anno fa, uno dei gestori del sito Riusa: il portale dell’economia circolare, mi ha chiesto una collaborazione per scrivere qualche articolo sulla musica e sull’ecologia. Il tema mi ha parecchio intrigato, ho fatto e sto continuando a fare delle ricerche per pubblicare qualche post: l’ultima canzone quindi è Meat is Murder degli Smiths. L’album che sto ascoltando è Sound of  Silver degli LCD Soundsystem, andremo con un amico ad ascoltarli fra qualche mese a Berlino.

I 10 blogger a modo mio

Ammetto che ho cambiato la regola finale, perché non sono riuscito a raggiungere i dieci nomi di blogger: alcuni sono già coinvolti in Songs of your life TAG, oppure hanno partecipato in passato a qualcosa di simile. Comunque ho pensato ad una sorta di elenco diviso in due parti: nella prima ho messo i compagni musicofili che potrebbero essere interessanti, mentre nell’altra riprendo i blogger musicali che mi piacciono tanto e che ho già citato in La mia non classifica 2017. Dateci una letta ai loro blog, vale il tempo dedicato.

Inoltre ho invitato gli amici del portale RiusaLo scopo di riusa.eu è mettere in rete tutti gli operatori del riuso: aziende, associazioni, enti pubblici, singoli cittadini.” Ecco il loro post Songs of your life TAG.

In questi blog i post sono scritti con una particolare originalità ed accuratezza. Durante la lettura immediatamente si capisce il genere musicale e se vale la pena di approfondire il gruppo. Vi è ironia, profondità e competenza, senza essere saccenti. Sono blog che cerco di leggere con attenzione.

La mia non classifica musicale del 2017

La mia non classifica musicale del 2017: Huge Molasses Tank Explodes Julie's Haircut Le Luci Della Centrale Elettrica Mara Redeghieri Nadine Shah Rag’n’Bone Man Roger Waters Sufjan Stevens The Black Angels Tinariwen

Ascolto spesso la musica e mi aspetto sempre qualche novità ma quest’anno non ne ho trovate di significative. Sono comunque arrivati dei nuovi messaggi da chi seguo: Vasco Brondi con le sue Luci della Centrale Elettrica e poi c’è stato lo straordinario, inatteso e gradito ritorno: Mara Redeghieri.

Nel 2017 ho visto un buon numero di concerti, alcuni post li ho dedicati e pubblicati nel blog, altri stanno aspettando del mio tempo libero per la loro pubblicazione.

Ho acquistato anche parecchi libri sulla musica e penso che ne scriverò qui. Su tutte le voci che hanno cantato prevale sempre la “Donna”. La voce femminile del 2017 è proprio Lei, la ex cantante degli Üstmamò, una coraggiosa Donna emiliana: Mara Redeghieri. Un’altra cantante che mi ha affascinato è stata Nadine Shah, un’ artista di origine araba-europea, di base inglese: Nadine sente l’urgenza di raccontare la crisi siriana senza mezzi termini.

Va bene così: l’importante è raccontare quello che mi ha colpito, non tutto quello che c’è in giro (altrimenti sarebbe una classifica che si trova un po’ dappertutto)

Ecco la compilazione della mia non classifica musicale del 2017.

Le Luci della Centrale Elettrica – Terra

Vasco Brondi è sempre più libero di raccontare il nostro presente e donare una visione per il nostro prossimo futuro. Musicalmente mescola un po’ le carte: sottofondi etnici e rock indipendente. Riesce a farmi sentire l’oggi e a teletrasportarmi nel prossimo futuro. Il suo sguardo è personale ma condivisibile nel raccontare i cambiamenti culturali e sociali dell’ultimo decennio.

Mara Redeghieri – Recidiva

Ogni canzone è un pezzo per costruire il “proprio adesso” del mondo in cui viviamo. Un album emozionante e commovente a tratti. Un’ interpretazione importante che raggruppa la sua sensibilità femminile, di ideali e di riflessioni. Musicalmente l’album viaggia su percorsi cantautoriali contemporanei.

Nadine Shah – Holiday destination

Ho conosciuto questa interessante musicista grazie all’amico barman digitale del Sourtoe Cocktail Club. Interprete molto personale e senza mezze vie commerciali. L’album è dedicato alla crisi siriana, cerca di raccontare la tragedia delle vittime e dell’immigrazione. Un disco su temi sociali globali, i brani sono piacevolmente disturbati e suggestivi: si crea un magnetismo fra loro e chi li ascolta.

Huge Molasses Tank Explodes – “Huge Molasses Tank Explodes”

Ho conosciuto il leader della band milanese prima del concerto dei The Black Angels e ho acquistato sulla fiducia il suo vinile. Il gruppo italiano suona un rock psichedelico con un impatto notevole e con una passione per il genere musicale. La loro intuizione è di seguire la tradizione rock e contemporaneamente di percorrere sentieri di musica moderni. Un bel vortice sonoro: psichedelia, pop e kraut-rock. Il gruppo è da seguire. Trovate tutto qui.

Julie’s Haircut – Invocation And Ritual Dance Of My Demon Twin

La band sarebbe molto più conosciuta se fosse americana o inglese, invece è emiliana. Un album in cui ci si immerge in suoni elettrici e spaziali, ti apre l’area della mente…

Rag’n’Bone Man – Human

All’inizio dell’anno questo inglese ha sbancato con il singolo Human e sulla scia del successo del brano mi sono incuriosito. L’album è molto bello (merito al produttore?): hip hop, gospel, soul e ritmo. Devo dire che dal vivo è stato invece deludente, ne riparlerò nel blog.

Sick Tamburo Un giorno nuovo

Le canzoni dei Sick Tamburo raccontano con personalità l’amore e le relazioni che si intrecciano nella vita. Musicalmente sono dalle parti di un rock alternativo, dal vivo energetici e veloci.

Roger Waters – Is This the Life We Really Want?

Cantante e bassista dei Pink Floyd ha poi intrapreso una sua carriere solista sempre degna di nota. Nel 2017 è uscito un suo nuovo album in cui si trovano i temi sociale e politici che stanno a cuore al musicista britannico. Waters ha avuto l’intuizione di farlo produrre a Nigel Godrich (storico produttore dei Radiohead) e ne è nato un gran album Rock.

Sufjan Stevens, Nico Muhly, Bryce Dessner e James McAlister – Planetarium

Un album di musica elettronica e sinfonica dedicato ai pianeti del nostro sistema solare. Un disco leggiadro e piacevole: spesso la voce di Sufjan Stevens è incantevole.

The Black Angels – Death song

Questa band ti invita a far parte del loro vortice sonoro psichedelico rock, molto colorato musicalmente. Non certo originali ma hanno una loro precisa identità che mi ha fatto invaghire delle loro canzoni. I The Black Angels sono Super dal vivo.

Tinariwen – Elwan

Sono collettivo originario dell’area del Sahara, precisamente dal Nord del Mali. Sono dei dissidenti e mescolano melodie desertiche del popolo tuareg, musiche algerine e marocchine assieme al blues e al rock. Questo album è stato registrato negli U.S.A. assieme ad alcuni musicisti americani, fra cui Mark Lanegan. Un disco affascinante e con ritmi non usuali nella musica rock.

La mia non classifica musicale annuale degli anni scorsi è qui.

Blog musicali preferiti

I blog sono rigorosamente in ordine alfabetico: gli articoli sono scritti con una certa originalità ed accuratezza, entrambe qualità rare al giorno d’oggi. Durante la lettura si capisce subito il genere musicale e se vale la pena di approfondire la band. Vi è ironia, profondità e competenza, senza essere saccenti. Sono blog che cerco di leggere con attenzione.

Colgo infine l’occasione per augurare in bocca al lupo ad Alli e Elle per il loro nuovo progetto di bio-orto: aiuteranno le persone a coltivare il loro orto in casa con metodi naturali, passione, divertimento, buon esempio e biodiversità.

Le Luci della Centrale Elettrica Bologna 21/04/2017

Ero curioso di vedere Le Luci dal vivo con l’ultimo album Terra (2017).

Il concerto non è stato male, il gruppo deve “rodarsi” e l’acustica del posto è sufficiente. Meno male che Vasco Brondi ci mette tutto sé stesso per farci avere le nuove canzoni. Sono sicuro che lo rivedrò dal vivo nuovamente.

Le Luci della Centrale Elettrica Verona a 06/03/2017

Vasco Brondi e Giulio Brusati, Le Luci della Centrale Elettrica alla libreria Feltrinelli Verona.

Vasco Brondi (Le Luci della Centrale Elettrica) presenta l’ultimo album “Terra” alla libreria Feltrinelli a Verona.

Parto un po’ prima dall’ufficio per arrivare in tempo. Riesco a parcheggiare e in dieci minuti sarò alla libreria.
Mi incammino. Davanti alla Feltrinelli ci sono già delle ragazze e dei ragazzi che aspettano qualcuno.
Mi preparo una paglia, tanto fra poco arriverà Ale, poi con un bus dalla stazione dei treni anche Valentine. Purtroppo MK non ce la farà, perché è lontano per lavoro, so già che più tardi mi chiamerà per sapere come è stata la presentazione.
Bene, ecco Ale: “Dai, entriamo.“.
Saliamo al primo piano, la sala è già affollata, percepisco che c’è attesa: Vasco Brondi racconterà di Terra, il suo ultimo album.
Ale ed io siamo in fondo, riusciamo a vedere bene il palchetto: due sgabelli, il microfono e il piccolo impianto d’amplificazione.
L’autore entra assieme al giornalista Giulio Brusati. Scopriamo che l’album è accompagnato da un libretto, che di fatto è un diario di lavorazione ovvero “La grandiosa autostrada dei ripensamenti“.

Vasco è tranquillo nel parlare, dice di sentirsi più libero ora, rispetto a dieci anni fa. Umilmente ricorda gli inizi, quando non conosceva nulla dell’essere musicista: come non sapeva che esistevano le chitarre per i mancini.
Dice che questo album è più guidato dall’istinto e non sente il bisogno di avere il “va bene” da parte di altre persone.

Scopriamo che Terra è composto da dieci canzoni o meglio storie sul tempo in cui viviamo. L’autore ha cercato di raccontare i mutamenti sociali e culturali che distinguono il nostro paese.

Terra è un disco etnico ma di un’etnia immaginaria o per meglio dire “nuova” che è quella italiana di adesso.
Dove stanno assieme la musica balcanica e i tamburi africani, le melodie arabe e quelle popolari
italiane, le distorsioni e i canti religiosi, storie di fughe e di ritorni.
Vasco Brondi su Terra.

I luoghi cantati nell’album sono situati fra “… l’Adriatica e un’isola vulcanica, tra studi di registrazione seminterrati
e paesi disabitati in alta montagna, tra la Pianura Padana, il Nord Africa e l’America.

Vasco prende la sua chitarra per suonare due brani dal nuovo album. Legge qualche brano dal libretto che accompagna il disco. Un ultima canzone del passato e così si chiude l’incontro di presentazione.

Va bene, io e gli altri due amici usciamo velocemente. L’album Terra ci incuriosisce sempre di più. Ancora qualche giorno e lo avrò sullo stereo.

Riferimenti
  • Il sito ufficiale de Le Luci della Centrale Elettrica
  • L’album Terra è prodotto artisticamente da Vasco Brondi e da Federico Dragogna (I Ministri)
  • Terra è il quarto disco di inediti dopo Canzoni da spiaggia deturpata (2008), Per ora noi la chiameremo felicità (2010) e Costellazioni (2013)

La mia non classifica musicale del 2014

La mia non classifica 2014 musicale

E’ finito ormai da poco il 2014 ed ecco come ascoltatore la mia non classifica musicale 2014.
Sono dischi e canzoni che ho molto ascoltato, condiviso con amici e famiglia, magari non saranno i migliori ma sono stati i nostri album del 2014.

Contrada Lorì “Doman l’è festa”

La Contrada Lorì è stata la mia sorpresa musicale del 2014, sia per bravura e che per coinvolgimento musicale. Questi musicisti veronesi sparigliano le carte, suonano folk dialettale ma vanno oltre la simpatia o la facile risata. Raccontano storie con ironia, sia attuali che del passato, ti fanno riflettere con la lentezza della poesia e poi ti invitano a ballare. L’album è ben registrato e non fa mancare l’esperienza live.
Post folk moderno veronese? Mah non vedo l’ora di rivederli per la settima volta dal vivo!

→ Prosegui la lettura di La mia non classifica musicale del 2014

C'era un rumore in lontananza ...


C’era un rumore in lontananza
ma eri tu che ascoltavi i Sonic Youth
che ascoltavi i Sonic Youth.
C’era un rumore in lontananza
ma eri tu che ascoltavi gli Smiths e i Sonic Youth. …

 

 

La strofa è tratta dall’ultimo album Costellazioni de Le Luci Della Centrale Elettrica, nella canzone ci sono appunto I Sonic Youth, mentre nella strofa successiva si citano anche gli Smiths.

Ecco, mi rappresenta.