Sandokan di Hugo Pratt e Mino Milani cosa ne penso

IL VERO GRAAL DEL FUMETTO ITALIANO. UN’OPERA ASSOLUTAMENTE INEDITA. A QUARANT’ANNI ESATTI DAL SUO CONCEPIMENTO VEDE FINALMENTE LA LUCE IL “SANDOKAN DI PRATT”.
Così recita la presentazione, forse un po’ altisonante, di questo albo disegnato da Hugo Pratt. Devo ammetterlo, quando lessi la notizia mi sorpresi non poco. Pratt e Sandokan di Emilio Salgari? Poi, approfondendo la notizia scoprii che la sceneggiatura era di Mino Milani, autore che collaborò più volte con Pratt, pubblicarono insieme riduzioni narrative da R. L. Stevenson come “L’Isola del tesoro” e “Il ragazzo rapito“. Il periodo risaliva ai numeri del Corriere dei Piccoli e la persona che ci ha permesso di leggere questo fumetto è Alfredo Castelli, al tempo collaboratore di redazione della rivista poco fa citata.

Controllando l’importante libro intervista di Dominique Petitfaux a Pratt, trovai una dichiarazione dello stesso disegnatore che affermava di non sapere che fine avessero fatto quelle tavole sul pirata malese.
Insomma, tutto cominciava ad essere un po’ più chiaro e credibile, solamente non rimaneva che aspettare l’uscita del libro e vedere. Finalmente, mi pare verso fine Maggio, il libro fu distribuito nelle librerie e così lo ebbi fra le mani. Nel volume  ci sono un’introduzione a cura, giustamente, di Alfredo Castelli e un saggio finale di un esperto salgariano, Claudio Gallo.
Mi risulta difficile dire se mi è piaciuta o no la storia, perché Hugo Pratt non finì disegnarla. Posso pensare che poteva essere bella perché le collaborazioni con Milani sono sempre ben riuscite e il disegnatore, almeno per me, era nel suo più bel periodo.Le vignette purtroppo non son ben riprodotte perché provengono dalle così dette “coppiette” ovvero riproduzioni delle tavole originali, che Alfredo Castelli si portò con sé quando lasciò la redazione del Corriere dei Piccoli. Probabilmente non sono intervenuti in un lavoro di “pulizia” della “coppietta” lasciando quello che si vede ed è meglio così. Vi sono anche riprodotti alcuni schizzi a matita.
Per quanto riguarda invece la veste grafica del volume, la trovo volutamente ed esageratamente lussuosa, addirittura un porta volume in cartoncino, forse per giustificare il prezzo elevato? Comunque a distanza di pochi mesi dall’acquisto si è scollata la linguetta del porta volume e ci credo ci hanno messo un filo di colla.
Consigliarne l’acquisto? Sicuramente è più per chi già conosce l’opera di Hugo Pratt, ad altri suggerisco di prendere altre storie disegnate da Hugo Pratt, ad esempio le avventure di Corto Maltese.

Hugo Pratt e Mino Milani
“Sandokan”,
Lizard Rizzoli, pag. 80, prezzo di copertina 25,00€

Link:
http://lizard.rcslibri.corriere.it/lizard/libro/3132_sandokan_milani_pratt.html
http://rcslibri.corriere.it/videochat/archivio/v_Sandokanslide_20090911.shtml

Lascia un commento

Puoi usare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>