Sette fratelli per il 25 aprile

Il 25 aprile mi piace ricordarlo con l’intensa interpretazione di Marco Paolini e de I Mercanti di Liquore. Il testo fu scritto da Gianni Rodari in memoria dei sette fratelli Cervi.
I Cervi: Gelindo (classe 1901), Antenore (1906), Aldo (1909), Ferdinando (1911), Agostino (1916), Ovidio (1918), Ettore (1921). Nati a Campegine (Reggio Emilia), tutti fucilati il 28 dicembre 1943 nel poligono di tiro di Reggio Emilia.

Buon 25 aprile 2017!

I sette fratelli
C'erano sette fratelli
che andavano per il mondo:
sei erano sempre allegri,
il settimo sempre giocondo.

Sei andavano a piedi
perché non avevano fretta,
il settimo invece perché
non aveva la bicicletta.

La leggenda dirà
dell'ultima battaglia:
dove cantò la cicala
abbaia la mitraglia.

Una muta di cani
la notte ha circondata,
il fumo lecca i muri
della casa incendiata.
Ma quando li portarono
alla crudele morte,
non eri tu, fucile,
il più fermo, il più forte.

C'erano sette fratelli
che andavano per il mondo:
sei erano sempre allegri,
il settimo sempre giocondo.

Sei andavano a piedi
perché non avevano fretta,
il settimo invece perché
non aveva la bicicletta .

Nella nebbia dell'alba
si nascosero i cani,
e chiusero gli occhi
per non vedersi le mani.
Negli occhi dei sette Cervi
l'aurora si specchiò,
dagli occhi fucilati
il sole si levò.

Vecchio, tenero padre,
olmo dai sette rami,
nella vuota prigione
per nome ancora li chiami,

C'erano sette fratelli
che andavano per il mondo:
sei erano sempre allegri,
il settimo sempre giocondo.

Sei andavano a piedi
perché non avevano fretta,
il settimo invece perché
non aveva la bicicletta .

E a notte fra le sbarre
fin dove soffia il vento
intatte vedi splendere
sette stelle d'argento.

Sette stelle dell'Orsa
come sette sorelle.
I cani non potranno
fucilare le stelle.

Sette stelle dell'Orsa
come sette sorelle.
I cani non potranno
fucilare le stelle.
Riferimenti

#iostocongabriele di Zerocalcare

La notizia di oggi 24 aprile 2017: Gabriele è libero e in Italia!!!

#iostocongabriele di Zerocalcare

#iostocongabriele disegno di Zerocalcare.

→ Prosegui la lettura di #iostocongabriele

Buona pace o buona pasqua?

Mafalda pacifista di Quino

Oggi mi sento una pacifista in guerra
contro chi
non vuole la pace!

 

Mafalda di Quino.

Se ci fosse una botta e risposta di Pace

La bandiera della Pace

Non è possibile che vi debba essere sempre una botta e risposta militare, continuamente.

È dalla prima guerra del golfo nel lontano 2 agosto 1990, che nell’area medio orientale non vi è Pace, per tutti.

È possibile una botta e risposta impostata sul dialogo?

Post (utile ?) suggerito da Un post inutile di Ernest.

 

Veneziani resistenti

I veneziani cercano di resistere alla svendita della città lagunare, all’approdo di imbarcazioni enormi e di porre attenzione alle grandi opere.
Passeggiando fra calli e campi si trovano le loro bandiere.

Mike Watt Le tre opere: intervista al traduttore

Mike Watt writing poems stella * nera

Il libro Watt di Hector Valmassoi contiene i testi delle canzoni del musicista Mike Watt. Hector ha scelto di tradurre gli album che il musicista ha ribattezzato le Tre opere punkContemplating the engine room, The secondman’s middle stand e Hyphenated-man. Questi dischi sono significativi perché riguardano dei passaggi particolari nella vita del musicista di San Pedro. Gli album sono stati pubblicati fra il 1997 ed il 2010.

Oltre ai testi degli album, Hector ha inserito una raccolta di poesie di Mike Watt: impressioni di vita, punti di vista introspettivi o in ricordo di musicisti (John Coltrane, John Entwistle dei The Who). Un approfondimento per scoprire un’altra sfaccettatura della sensibilità del musicista di San Pedro.

Mike Watt è stato il bassista dei Minutemen, un gruppo musicale dell’underground americano degli anni’80. La band iniziò con il punk ma il loro stile si trasformò in una musica più creativa, mescolando punk rock con sonorità jazz e funk. I Minutemen interruppero l’attività musicale per la morte prematura di D. Boon, cofondatore del gruppo e amico fraterno di Mike. Il musicista ha continuato a suonare dando vita ai fIREHOSE e collaborando con gruppi indipendenti, come i Sonic Youth oltre a suonare dal 2003 il basso con Iggy Pop and the Stooges.
Sono state la presentazione del libro, la cura e la passione con cui Hector ha svolto il lavoro, che mi hanno fatto intuire un qualcosa in più oltre alla traduzione dei testi di Mike Watt.

Domanda: Hector, sono rimasto piuttosto sorpreso di vedere e leggere un libro italiano sui testi di Mike Watt.
Risposta: Sono sorpreso anch’io che finora nessuno ci abbia pensato. Probabilmente è qualcosa che non ha mercato. Mentre raccoglievo materiale che mi sarebbe servito per la realizzazione del libro, ho spesso osservato che l’editoria italiana, tranne qualche raro caso – “American hardcore” di Steven Blush tradotto e pubblicato da Shake e, più tardi, “American Indie”, traduzione di “Our band could be your life” di Michael Azerrad uscito per Arcana – ha stranamente trattato di punk o della cosiddetta musica indie saltando dai Sex Pistols direttamente ai Nirvana, dimenticando tutto ciò che è avvenuto in mezzo. Mi riferisco alla scena underground americana degli anni ottanta ed in particolare a tutto il fermento che ne è scaturito con i gruppi che, partendo da sonorità hardcore, hanno sviluppato linguaggi differenti ed originali, virando verso contaminazioni con altri generi musicali ed arricchendo così il proprio lavoro di nuove idee e nuove sonorità: Minutemen, Hüsker Dü, Saccharine Trust, Mission of Burma, Butthole Surfers, solo per citare alcune bands tra quelle che hanno contribuito alla mia “educazione”. Ecco, credo di aver voluto scrivere il libro che avrei voluto leggere.

D Boon Minutemen - punk is whatever we made it to besticker di Robert Locker

D: Mike Watt e i Minutemen sono stati un esperienza importante nel panorama della musica underground americana.
R: I Minutemen hanno aperto nuove strade: musicalmente hanno esplorato nuovi territori, sono stati rappresentativi dell’etica punk del do-it-yourself, hanno riempito le canzoni di riflessioni personali e di idee politiche, hanno funzionato anche da collante per la comunità punk della South Bay di Los Angeles e come esempio per molte bands sparse per gli Stati Uniti. Con la morte di D. Boon, avvenuta nel 1985 in un incidente stradale, molto è andato perso. Mike Watt continua a portare avanti i messaggi e le motivazioni che sono stati la spinta iniziale del suo motore: ancora oggi conclude i suoi concerti con l’invito “Start your own band”, mettete in piedi il vostro gruppo.

D: Perché hai scelto di tradurre gli album “Contemplating the engine room”, “The secondman’s middle stand”e “Hyphenated-man” e non i testi dei Minutemen?
R: Sono partito con l’idea, in verità abbastanza folle, di pubblicare le traduzioni di tutti i testi scritti da Mike Watt, comprendendo quindi le canzoni scritte, cronologicamente, per Reactionaries, Minutemen e fIREHOSE, per arrivare infine ai dischi solisti. Intorno ai vent’anni avevo già tradotto, ad uso strettamente personale, per comprendere meglio qualcosa che percepivo così vicino a quello che mi girava in testa, le canzoni di Minutemen e fIREHOSE, chiedendomi nel corso degli anni se valesse la pena riprenderli in mano e ricavarne un libro. Le traduzioni sono ancora tutte lì ed ogni tanto penso che sì, potrei tirarci fuori qualcosa di interessante. La scelta di focalizzare il libro sulle tre opere è stata di Watt, con cui ho condiviso tutto il percorso di realizzazione, dalla traduzione fino alla decisione di pubblicarlo fuori dai canali commerciali.

Mike Watt albums Contemplating The Engine Room - The Secondman's Middle Stand - Hyphenated-Man

→ Prosegui la lettura di Mike Watt Le tre opere: intervista al traduttore

Liebster Award 2017 ... happy blogging

Liebster award blog

Ho conosciuto il Liebster Award grazie a Luca di Rock ‘N’ Blog.
Il premio è una specie di “medaglia al valore” per gli autori di blog che non hanno ancora ottenuto 200 follower. Il conferimento avviene dai “colleghi” per premiarne la capacità e la creatività dei contenuti, sostenendoli nella ricerca di nuovi lettori e visibilità.

A quanto sembra il premio nasce nel 2011 in Germania (liebster in tedesco corrisponde a carino, piacevole, di valore) e prevede sei semplici regole per potervi partecipare. Il Liebster Award lo vedo come un suggerimento cordiale e intelligente per far conoscere dei blog.

Regole del Liebster Award
  1. Pubblicare il logo del Liebster Award sul proprio blog
  2. Ringraziare il blog che ti ha nominato e seguirlo
  3. Rispondere alle sue 11 domande
  4. Nominare a tua volta altri 11 blogger con meno di 200 followers
  5. Formulare altre 11 domande per i blogger nominati
  6. Informare i blogger della nomination.

Ora inizio a rispondere alle undici domande che Luca mi ha proposto.

Domanda: Qual è la canzone in cui ti rivedi di più?
Risposta: Urca! Una domanda facile per iniziare. Le canzoni sono sempre molte, a seconda dei momenti, della vita ecc. Ora così su due piedi ops, su due mani … I Sonic Youth de Le Luci della Centrale Elettrica. Il brano idealmente simboleggia le canzoni in cui mi rivedo e mi piacciono. Vasco Brondi de Le Luci è italiano e rappresenta un nuovo tipo di cantautore italiano e mi ci ritrovo, come Franco Battiato, Vinicio Capossela, Paolo Conte, Fabrizio De André, Sergio Endrigo, Giorgio Gaber, Francesco Guccini, Luigi Tenco … Il brano fa riferimento alla musica indipendente e agli anni ’80 … quindi il collegamento è facile!

D: Filmaccione o Dieci copertine brutte?
R: Su questa domanda Luca gioca sporco … perché nel suo bel blog ha dedicato una serie di post spassosi che leggo sempre! I titoli sono Dieci copertine brutte e Filmaccione. Scelgo le copertine brutte, perché Luca ha coraggio da vendere a proporle!

D: Chi ti manca di più tra gli artisti scomparsi nel 2016?
R: E’ stato un anno brutto, ci hanno lasciati dei grandi musicisti di vario genere, su tutti direi David Bowie e Leonard Cohen.

D: Un genere musicale che proprio non riesci ad ascoltare.
R: Spero di non urtare la sensibilità di qualcuno, proprio non ce la faccio ad ascoltare l’heavy metal. Ogni tanto mi passano del materiale e ogni volta ci provo a sentirlo ma non lo capisco.

D: The Walking Dead o Games Of Thrones?
R: Le serie televisive me le descrivono amici e colleghi. La prima mi fa paura, la seconda è interessante ma violenta. Però non ho la tivù e quindi non seguo le serie. Sai ci vuole tempo e preferisco dedicarmi ad altro: figli, amici, morosa, musica da ascoltare, leggere e alla via così.

D: Bluto Blutarsky o Jake “Joliet” Blues?
R: Mi metti in difficoltà, come si fa a scegliere univocamente John Belushi nelle sue interpretazioni? Ci provo.
Siccome il film dei Blues Brothers lo vidi al cinema per la prima volta, ci sono affezionato particolarmente perché “ho visto la luce!”. Poi la famosa battuta: “ … le cavalette!“.

D: Qual è il tuo supereroe preferito?
R: Da bambino mi piacevano molto L’Uomo Ragno e i Fantastici Quattro nelle edizioni Corno. Crescendo ho conosciuto il Batman di Frank Miller o di Alan Moore. Questi autori hanno rivisto completamente il personaggio e ne hanno fatto emergere dei lati psicologici impensabili, per un fumetto all’epoca, sdoganando questa arte cosiddetta povera. Tant’è vero che ora è chiamata graphic novel; Hugo Pratt la definiva letteratura disegnata.

D: I tuoi tre album irrinunciabili.
R: Beccato, lo sapevo che mi avresti fatto una domanda così … direi On the Beach di Neil Young, Silence is Sexy degli Einstürzende Neubauten e La Buona Novella di Faber. Così non vale mi hai fatto scegliere e tutto il resto ?!? Jeff Buckley con Grace oppure Ovunque Proteggi di Vinicio oppure Concerti di Paolo Conte o La Voce del Padrone di Battiato … va bene mi fermo, mannaggià a te.

D: Prince o Michael Jackson?
R: Mi spiace, sebbene siano stai due grandi musicisti e mi piace ascoltarli, non li ho mai seguiti.

D: Mazinga o Evangelion?
R: Devo essere sincero? Gundam!

D: Come deve essere un blog per essere piacevole?
R: Avere dei contenuti interessanti, devono emergere le idee del blogger, a raccontare o presentare i contenuti. Deve esser aggiornato con una certa periodicità, ma non troppa. Graficamente semplice ed essenziale. Aver coraggio di scrivere di tutto. Non amo vedere pubblicati contenuti copiati da altri siti.

I blog che mi piace segnalare sono:

Another Scratch In The Wall il motto dice: “Muri Puliti Popolo Muto“, si occupa di street art in modo serio e approfondito.

Grazie al blog Archeologia ferroviaria ho modo di leggere di vecchie locomotive, di stazioni e di persone legate al passato ferroviario. L’autore è molto competente e un gran ricercatore o forse esploratore …

Il blogger di Bioimita di supera gli ormai soliti argomenti ecologisti o del biologico, ogni volta che lo leggo intuisco una prospettiva originale e davvero sostenibile.

La blogger Pina de Il mestiere di leggere mi ha fatto scoprire o mi ha suggerito libri nuovi, di cui ho preso nota. Trovo interessanti da leggere le sue riflessioni sull’arte e la musica.

Conventional Records è un blog musicale molto trasversale sui generi e sottogeneri, lo tengo d’occhio.

Diario di Rorschach è un sito dedicato al fumetto ma anche la realtà attorno ai tre blogger. Da leggere!

Hardcorella Duemila è un blog satirico e pungente dedicato ai fatti dell’Italia. Letti e travisati da un punto di vista punk. Ironico, intelligente e stradivertente da leggere, una vera scoperta! Forse il più originale per come sviluppa i post partendo da fatti realmente accaduti o quasi …

Non definitivo è un blog che mi piace leggere perché trovo nell’autrice una sensibilità profonda, in tutti i suoi post, senza scordare l’ironia. Brava!

Pillole Musicali 8 Bit mi ha sorpreso perché l’autore racconta in modo originale singoli album rock. Scova album che sono delle chicche e descritti da ascoltatore appassionato. Molto simpatica e originale le scheda grafica in bassa risoluzione.

Il Reverendo Lys dal suo pulpito predica il verbo del Rock! Tanto per chiarirci: “Tutto ciò che so e che mi importa della vita è chiuso tra 7 e 12 pollici di vinile nero.“. E io gli credo …

Mi piace molto leggere i post di Tratto d’unione dedicati alle Artiste Donne. Fra l’altro ha una squisita serie di post dedicata alle cantanti partendo da una loro canzone. Da non perdere!

Allora, ecco le undici domande.
  1. Perché hai aperto un blog?
  2. Come sei arrivato a WordPress?
  3. Quanto tempo ci dedichi?
  4. Sono curioso, hai fatto tutto da solo o ti sei fatto aiutare?
  5. Quando scelsi il nome Sull’amaca e il motto “Un posto per stare, leggere, ascoltare, guardare, ricordare e forse sognare.” non ci ho pensato molto, invece per il tuo?
  6. Personalmente scrivo per divertirmi, mi dà soddisfazione e soprattutto mi piace avere il mio spazio. Tu?
  7. Come ti nascono i post?
  8. In funzione del post, quasi sempre scelgo delle immagini dal web o delle foto che ho fatto, in ogni caso come le sceglie o le prepari?
  9. Che ne pensi del Liebster Award?
  10. Ho dedicato una serie di post alla scena underground musicale italiana degli anni ’80, raccogliendo varie dichiarazioni di chi l’ha vissuta. Tu sei uscito vivo dagli anni ’80?
  11. Sull’amaca è un blog personale ma vi sono post dedicati alla musica, tu che ascolti di bello?

Spero che possa esser piacevole e vi incuriosisca questo invito a conoscere nuovi blogger, quindi happy blogging!

Un bianco pandoro a Verona ma di pietra

Capita spesso di passeggiare nelle città e di alzare lo sguardo verso l’alto e di scoprire degli ornamenti bizzarri.
Prendete ad esempio Verona, più precisamente Corso Porta Borsari. Giunti al civico 21, proprio sopra l’insegna Melegatti, un po’ sopra ecco un bianco pandoro, pronto per tutte le stagioni!
A dirla tutta, all’altro angolo del palazzo c’è il fratello gemello, così a simboleggiare dove nacque il più famoso dolce veronese.

Verona statua pandoro Melegatti da Apriti Verona

Riferimento

Foto tratta dal sito dedicato ad un altra Verona: Apriti Verona.

Album: Venezia 1

Venezia Cannaregio

Buongiorno Venezia, dal tuo splendido palazzo che si affaccia sul Canal Grande!

Bighellonare per il sestiere di Cannaregio, seguendo calli e attraversando i canali grazie ai tuoi ponti. Facendo attenzione a non cader giù dell’unico ponte senza parapetti.

Notare alle finestre le insegne e i poster dei veneziani ribelli: no grandi navi, residente resistente e contro il Mose.

Camminare lungo le Fondamenta e ammirare il Palazzo Mastelli con i suoi segreti… giungere poi in un osteria e rilassarsi.

Dire ciao ciao alla barca arlecchina. Immaginare il ciuf ciuf della casa locomotiva e traguardare fra le bricole la terraferma.

Passando poi a salutare i mori e Sior Rioba.
Attraversare e guardare alla storia del ghetto.

Scoprire poi la mia iniziale pietrificata all’angolo di una casa sul canale.
Buonanotte Venezia…

Lettrice con Corto Maltese

Corto Sconto lettrice in treno

Corto Sconto
La guida di Corto Maltese alla Venezia nascosta
(Rizzoli Lizard)

Pubblicato su Cartaresistente.