Shakespeare rappresentato

Teatro Romano Verona palco per Molto rumore per nulla 2013Ogni anno in estate a Verona sono rappresentate le commedie di William Shakespeare per il Festival shakespeariano. Il palcoscenico e’ il suggestivo Teatro Romano a ridosso del fiume Adige e a fianco di Ponte Pietra.
Quest’anno ho visto Il Mercante di Venezia e Molto rumore per nulla. La regia della prima commedia era di Valerio Binasco e il ruolo principale di Shylock era interpretato da Silvio Orlando, mentre la seconda era diretta da Giancarlo Sepe.
Entrambe le commedie non erano rappresentate in modo tradizionale, Il Mercante di Venezia molto moderno con una scenografia minimale e astratta, gli attori con i costumi vestiti come impiegati e faccenderi del secolo scorso, mentre in Molto rumore per nulla la scenografia sembrava la bottega di un rigattiere e di uno sfasciacarrozze, gli attori invece con costumi da gitani, pirati e guasconi. Sicuramente queste due rappresentazioni rendevano brillante e divertente le storie, sopratutto la seconda con balli e canti.

→ Prosegui la lettura di Shakespeare rappresentato

Da Battiato a Ernest Henry Shackleton

Copertina del libro di Mirella Tenderini La lunga notte di ShackletonHo conosciuto per la prima volta le imprese dell’esploratore britannico Sir Ernest Henry Shackleton ascoltando l’omonimo brano di Franco Battiato dall’album Gommalacca.
Il testo di Manlio Sgalambro racconta l’ultima avventura dell’esploratore al Polo Sud, all’inizio del ‘900.
Shackleton era un veterano della regione antartica, perché aveva partecipato e guidato alcune esplorazioni al Polo Sud. Questa sarebbe stata la sua ennesima impresa di tracciare una nuova strada nell’attraversamento del Polo Sud. Purtroppo la nave Endurance restò bloccata e stritolata fra i ghiacci e quindi lui e i suoi compagni dovettero raggiungere l’Isola Elefante, trascinando sulla banchisa tre scialuppe cariche di viveri.
Il vanto di Shackleton era di non aver mai perso un solo uomo al suo comando e da qui nacque la sua ultima coraggiosa impresa.
Partì assieme a pochi uomini per navigare fino alla Georgia del Sud per chiedere soccorso, “mentre i 22 superstiti dell’isola Elefante sopportavano un tremendo inverno”. [1]

La canzone di Franco Battiato è piuttosto straniante e con un tono lievemente epico, il finale termina in una specie di mantra, ripetendo il cognome dell’esploratore.
Il brano mi era sempre piaciuto ma non mi ero mai incuriosito sul protagonista, forse proprio perché il testo raccontava tutto su Shackleton.

→ Prosegui la lettura di Da Battiato a Ernest Henry Shackleton

Plasticost concerto per il 30° anniversario

Plasticost locandina concerto Marostica VI 19 luglio 2013 30° anniversarioE’ con grande piacere e sorpresa che a Marostica (VI), il 19 luglio suoneranno i Plasticost per festeggiare il trentesimo anniversario dall’uscita del loro primo album.
Il gruppo fu una realtà particolare dell’allora panorama undeground italiano, perché grazie ai suoi pirotecnici live show di impostazione teatrale, ma non è purtroppo riuscito a farsi concretamente spazio in un mercato discografico forse intimidito dall’originalità dell’approccio; partita con uno stile di derivazione new wave, che ha trovato nella memorabile Canzone Dada di PLA’STICOST il suo più efficace manifesto.  [1]

Uno dei membri fondatori è Sergio Fox Volpato che ha già partecipato alle puntate dedicate di Eighty Blues ovvero non si esce vivi dagli anni ’80 e Perché dovevi registrare un vinile negli anni ’80?.

Vorrei aggiungere che Marco Pandin della fanzine Rockgarage me li descrisse come:

Anche i Plasticost dal vivo erano un’esperienza mistica: … ma credo siano stati l’unico gruppo blasfemo, pericoloso, anarchico, impossibile da afferrare. Altro che i mille gruppetti punk superanarchici.

Non mancate!

→ Prosegui la lettura di Plasticost concerto per il 30° anniversario

5 per mille, dove sei finito in parte?

sappiatelo300

E’ da anni che destino il mio 5 per mille della dichiarazione dei redditi ad Emergency, però qualche giorno fa leggendo un post della rivista Vita.it ho scoperto che lo Stato per due esercizi (201o e 2011) ha trattenuto una buona parte del 5 per mille.

La rivista Vita.it ha lanciato una campagna di informazione e per fermare questo abuso da parte dello Stato italiano.

Per firmare la petizione on-line e per avere maggiori informazioni: Vita.it

 

 

I colori del pergolato

Pergolato

Domenica mattina, faccio colazione fuori casa.
Sono dove mi piace stare.
Sfoglio distrattamente il quotidiano locale.
Finisco di gustarmi la colazione.
Finisco la prima sigaretta.
Poi guardo in alto e vedo le foglie in controluce che scorrono sul pergolato.
Toni di verde vivo e sprazzi di raggi solari.
Si crea la penombra.
Bello.

Rene Burri BRAZIL Sao Paulo 1960

Questo slideshow richiede JavaScript.

Rene Burri BRAZIL Sao Paulo 1960.

 

Einstürzende Neubauten Alles wieder offen

Einstürzende Neubauten, Alles Wieder Offen, 2007.

Copertina a collage con gli strumenti costruiti dal gruppo berlinese. In primo piano l’ Intonarumori del futurista Luigi Russolo.

Sebastião Salgado Refugees in the Korem camp, Etiopia, 1984.

Sebastião Salgado Refugees in the Korem camp, Etiopia, 1984.